Torna a BLOG

Il bello dei momenti difficili

Questa vuole essere una piccola riflessione su questo periodo drammatico segnato dal Coronavirus.

Purtroppo tra le centinaia di persone che muoiono ogni giorno vi è un amico, un conoscente, un familiare. Siamo tutti chiamati a compiere sacrifici, grandi o piccoli, di fronte a un ostacolo che sembra insormontabile, nonostante gli sforzi di chi lotta in prima fila. Molti sono ancora ciechi di fronte a questo nemico invisibile, e l’impossibilità di vedere la luce in fondo al tunnel non aiuta a concentrare le energie, con la speranza viene sempre meno.

L’entusiasmo delle prime settimane è svanita, siamo intorpiditi da uno stile di vita che non riflette i ritmi a cui eravamo abituati, siamo in gabbia e impotenti assistiamo a chi invece non ha nemmeno il tempo per riposare che è già ora di tornare sul campo di battaglia.

Le analogie con la guerra si sprecano, mentre una generazione ammorbidita dalle comodità si scopre fragile e in balia degli eventi, con poca esperienza e nessuna memoria di avversità simili.

Ma è quando riflettiamo sulle nostre comodità, sui nostri agi e sulla nostra fortuna è che ci rendiamo conto che fare la differenza a noi costa veramente poco: restare a casa equivale a stare in prima linea, come stare al fianco di medici e infermieri, specie se non siamo di fianco a loro su un letto d’ospedale.

Ci sono tre categorie di persone in questo momento storico: le persone sane, gli ammalati che necessitano di ricovero e chiunque sta lavorando per debellare il virus.

Finchè i primi e i terzi collaboreranno insieme il virus non potrà avere il sopravvento. I malati e i morti aumentano ogni giorno, ma se rispettiamo il nostro patto, non dovremo avere paura.

E ci siamo noi, Nexo Chocolate, che continuiamo a lavorare per fornire prodotti alimentari a chi lo desidera. Siamo una impresa locale che in questi tempi di difficoltà ha l’opportunità di dar voce a chiunque si sente in dovere di dare una mano, a far sentire il proprio supporto a chi lotta, e non solo dal balcone.

Noi non ci fermiamo per ora, non è solo necessità di riuscire ad avere qualcosa per poter comprare cibo per la nostra famiglia, ma è sopratutto per sentimento di contribuire ad aiutare chi lotta ogni giorno in prima linea.

E vogliamo ringraziare tutti voi in questa battaglia comune, abbiamo già ricevuto tantissimi ordini di Uova di Pasqua Solidale, di Duetti Solidali (in generosa collaborazione con Cantina Riboli) e abbiamo addirittura ricevuto donazioni che ci permetteranno di donare uova a medici e infermieri molto presto.

Tutti insieme possiamo fare la differenza, iniziamo con #iorestoacasa quando uscire non è necessario, e poi affidate a tutti noi il compito di essere la vostra voce in questa lotta che ci vede più uniti che mai.

Siamo orgogliosi, siamo italiani.

 

  • Pubblicato in: